Preghiera al Ministro Matteo Salvini attuazione fondo risparmiatori salva vite in emergenza sociale da troppo tempo – Miatello date una scossa e ATTUATE

Breganze 3 giugno 2019

In data odierna in occasione dell’inaugurazione del 1° tratto della Pedemontana, abbiamo potuto parlare al Vice-Premier Matteo Salvini, al quale abbiamo consegnato la preghiera da parte dei risparmiatori che da troppo tempo aspettano la definitiva inaugurazione con l’attuazione del fondo risparmio tradito “legge fondo indennizzo risparmiatori”.

Un appello PREGHIERA che arriva dai risparmiatori vittime innocenti che oltre al danno del risparmio espropriato da una colossale truffa di massa, si sono visti trasformati in debitori (fra cui 27000 imprese), come l’esempio che alleghiamo di un imprenditore che per aprire un fido di € 8000 è stato obbligato ad acquistare con un mutuo 100 quote azionarie della banca cooperativa popolare di vicenza, e nonostante il suo cospiquo  rientro parziale si trova ancora debitore di € 16.222,97, oltre al blocco dell’attività e l’impossibilità di assumere dipendenti, in quanto messo in mora dalla stessa banca e segnalato come cattivo pagatore.

Il Fondo necessita di una SCOSSA IMMEDIATA di partenza del fondo e soluzione dei grossi problemi legati alla S.G.A. che con dei contratti di servicing sta recuperando tramite finanziarie, nella maggior parte dei casi crediti  frutto esclusivamente della truffa colossale di massa delle banche popolari, come certificato dalla commissione d’inchiesta parlamentare sulle banche e dalle Procure.

Alla nostra consegna della preghiera al Vice premier Matteo Salvini, la preghiamo salvi i risparmiatori facendo partire immediatamente il fondo, il Ministro Matteo Salvini ci ha risposto “prendo l’impegno e farò di tutto per farlo partire al più presto , ci metto tutta la mia testa dura“. 

Noi ci auguriamo in settimana. 

Cordiali saluti 

Patrizio Miatello 

Allegato lettera di diffida che arrivano ai risparmiatori vittime indebitate a causa della triste vicenda della cancellazione delle 2 ex popolari venete, e la tragica lista di risparmiatori che da aprile 2018 non ci sono più.

Illustre vice premier Matteo Salvini 

Breganze 03 giugno 2019

Oggetto: Attuazione del Fondo indennizzo risparmiatori

Con la presente Le portiamo la preghiera delle migliaia di risparmiatori che sono in difficoltà a seguito della triste vicenda delle ex banche popolari, come è noto molti di questi sono da tempo in completa emergenza sociale e ormai sono all’estremo delle forze.

Il fondo istituito e fortunatamente salvato e migliorato con il decreto crescita art 36 GU 100 del 30.04.2019 dotato con € 1,575 miliardi dai conti dormienti (non soldi dei contribuenti) è unico al mondo ed è un fondo salva vite oltre che dell’economia, in particolare per i risparmiatori trasformati in debitori colpiti da esecuzioni, ha già potuto dare sollievo dato che potranno chiedere ai Giudici la sospensione delle esecuzioni in attesa che il fondo eroghi il 30%, così salvandosi la casa, il capannone e molto altro di più importante.

Purtroppo le continue notizie, nei social e di parte della stampa hanno creato e creano allarmismo, incertezza, negatività portando ulteriori grossi problemi esistenziali alle persone già in stato di debolezza per la perdita dei risparmi.

Per quanto sopra Ministro Matteo Salvini la supplichiamo di fare tutto il possibile, che il decreto attuativo del fondo indennizzo risparmiatori possa definitivamente essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale, nel più breve tempo possibile in modo che le migliaia di risparmiatori vittime innocenti della truffa colossale di massa,  possano finalmente essere alleviati e ritrovare il sonno ormai perduto da troppo, troppo tempo.

La ringraziamo infinitamente per tutto quello che ha già fatto e che andrete a fare , sperando possa finalmente dare il varo immediato a questo Benedetto Fondo Salva Vite per un vero, unico, storico esempio di cambiamento epocale.

Patrizio Miatello Presidente  EZZELINO III DA ONARA Giustizia Risparmaitori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *