Fondo Risparmiatori svegliati i conti dormienti un miracolo Italiano

Continuano ad arrivare i bonifici di anticipo per i soci risparmiatori che hanno inviato la domanda nel mese di Agosto 2019, Settembre 2019, Ottobre 2019, Novembre 2019 anche per i risparmiatori che hanno avuto richiesta di integrazione documenti bancari e li ha inviati a Consap entro 7 giorni.

Il Fondo Risparmiatori un ristoro alle vittime con il risveglio dei conti dormienti (non dei contribuenti)
Un vero miracolo Italiano, di esempio Mondiale che ha salvato e sta salvando migliaia di famiglie vittime del Risparmio Tradito e dalla colossale truffa delle banche popolari Venete e delle altre del Centro, Sud e Isole.

Il Fondo vittime dei reati finanziari istituito utilizzando i conti dormienti progetto nato il 30/06/2017 dopo la cancellazione delle banche popolari Venete e presentato dal Prof.Avv. Rodolfo Bettiol, dal Tributarista Loris Mazzo e dal nostro Presidente Patrizio Miatello al Parlamento Italiano il 12/07/2017
L’inizio dei bonifici dal 5 ottobre 2020 qualcosa di buono da ricordare di questo anno bisesto.
Auguri di Buon Natale

Patrizio Miatello presidente
Associazione Ezzelino III da Onara Giustizia Risparmiatori

Ringraziamenti del Socio Risparmiatore Gianluca Lanaro.

2 pensieri su “Fondo Risparmiatori svegliati i conti dormienti un miracolo Italiano

  1. Io ho presentato la domanda in data 02/09/2019 e in data 10/09/2020 Consap mi ha scritto che dovevo rinviare l’istanza in quanto non era leggibile il numero di protocollo dal documento scansionato che dobbiamo dire, la scansione inizialmente doveva essere fatta in modo tale che non superasse troppi Kb e che solo successivamente sono stati aumentati.
    Lo stesso giorno della richiesta, il 10/09/2020, ho inoltrato a Consap quanto richiesto.
    Ad oggi nessun riscontro e questo dimostra che i bonifici non stanno arrivando per tutti nonostante l’istanza sia stata prodotta nei primi mesi di partenza delle domande al FIR.

    1. Se fa parte del 1° binario forfettario deve essere al di sotto dei €50.000 di indennizzo, deve essere in regola con i requisiti oggettivi e soggettivi passando i controlli degli Enti preposti come recita la legge istitutiva. Per ulteriori informazioni scriva mail ezzelino.onara@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *