PM CHIEDE L’ARCHIVIAZIONE PER VENETO BANCA RISPETTO AD UNA QUERELA PRESENTATA DA UNA SIGNORA DI CARTURA PD.

 

ULTIME NOTIZIE

COMUNICATO URGENTE

 

Gentile Sig.ra/Sig.

con la presente, facendo seguito agli impegni di chiarezza e di trasparenza assunti nei suoi confronti, riporto in sintesi quanto compare nei maggiori quotidiani di oggi 13.11.2016.

IL FATTO: PM CHIEDE L’ARCHIVIAZIONE PER VENETO BANCA RISPETTO AD UNA QUERELA PRESENTATA DA UNA SIGNORA DI CARTURA PD.

NEL MERITO: Una signora querelava per truffa Veneto Banca. La querela e la causa intentate dalla povera risparmiatrice si basavano su varie irregolarità contenute nei documenti contrattuali fatti sottoscrivere dalla Banca alla stessa. In alcuni documenti erano presenti delle firme false.

 

RISULTATO: Il PM chiede l’archiviazione del caso. Il fatto non sussiste.

CONSEGUENZE: la Signora deve dire addio a tutti i risparmi.

TALE PRIMA DECISIONE IN MERITO ALLE TRUFFE DELLE DUE BANCHE CONFERMA GRANITICAMENTE, COME DA MOLTI MESI SOSTENUTO UNICAMENTE DAL SOTTOSCRITTO, CHE TUTTE LE QUERELE E LE AZIONI CIVILI AVANZATE CONTRO LE BANCHE, NON PORTERANNO A NESSUN RISULTATO.

O MEGLIO: IL RISPARMIATORE DOVRA’ PAGARE OLTRE AD I PROPRI CONSULENTI ANCHE LE SPESE PROCESSUALI.

PEGGIO ANCORA TALI  INCAUTE AZIONI COSTITUIRANNO DEGLI OSTACOLI E DEI PRECEDENTI CHE TUTTI I RISPARMIATORI DOVRANNO POI SUPERARE.

COME DA MESI, PROPOSTO DAL SOTTOSCRITTO, L’UNICA STRADA PER AVERE GIUSTIZIA CONCRETA E’ QUELLA DI ADERIRE AL PROGETTO PENALE PROPOSTO DAI PROFESSIONISTI A CUI MI SONO RIVOLTO.

PROFESSIONISTI E PROFESSORI UNIVERSITARI DI MASSIMA STATURA CHE, IN TUTTE LE CONFERENZE TENUTE, HANNO SEMPRE SCONSIGLIATO AI RISPARMIATORI DI INTRAPRENDERE STRADE PRIVE DI OGNI FONDATEZZA GIURIDICA E CONTRARIE A TUTTI GLI ULTIMI PRONUNCIAMENTI.

RIDADIAMO A TUTTI QUINDI CHE L’UNICO MODO PER OTTENERE IL RISTORO DEL DANNO PATITO E’ QUELLO DI ADERIRE E DI PARTIRE QUANTO PRIMA CON IL PROGETTO PROPOSTO UNICAMENTE DALLA MIA ASSOCIAZIONE.

ADERITE AL PROGETTO SOCI RISPARMIATORI PENALE BANCHE POPOLARI QUANTO PRIMA.

 

Patrizio Miatello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *