Aggiornamento Banche & Giustizia Risparmiatori

Gentili Soci Risparmiatori associati e simpatizzanti,

finalmente con soddisfazione constatiamo che i nostri appelli volti a lavorare uniti per uno scopo comune, senza strumentalizzazioni o interessi di parte, iniziano a restituire riscontri positivi.

 Siamo convinti che solo risolvendo alla radice i problemi delle nostre 2 banche popolari, si potrà invertire la spirale di distruzione economica e sociale che sta distruggendo il Veneto, e che non farà altro che travolgere l’Italia e l’intera l’Europa, dato l’effetto trainante che da sempre la nostra terra garantisce al sistema Paese.

 Gioielli da vivere sostiene GIUSTIZIA RISPARMIATORI

 Prendiamo atto che  dopo 2 anni di lotte inascoltate, finalmente tutto il mondo politico e le associazioni di categoria, stanno percependo la concreta consapevolezza che l’annunciata apocalisse economica si sta inesorabilmente attuando, ed almeno adesso, anche se con estremo ritardo, si sta cercando di trovare una soluzione che miri al salvataggio delle due banche venete.

Non deve essere travisato però il concetto di “salvezza” delle banche, che ha già visto effettuare un bail-in di fatto su migliaia di Soci Risparmiatori, che sulle nostre due banche avevano posto la loro FIDUCIA.

 Anche per questo vogliamo ricordare a tutti quelli che hanno un ruolo di responsabilità sulle delicate questioni in corso, che una BANCA SENZA FIDUCIA  è una BANCA SENZA VALORE.

 Per questo da sempre abbiamo chiesto di poter arrivare ad una transazione soddisfacente, che possa tutelare sia gli interessi dei risparmiatori, sia la necessità dei due istituti di recuperare fiducia e valore in un contesto difficile.

 Non possiamo dimenticare però che se ogni giorno ci avviciniamo di più a questo obbiettivo difficile, lo dobbiamo innanzi tutto ai 300 Soci Risparmiatori e ai nuovi aderenti che ci hanno dato fiducia, permettendoci di attuare il progetto Plurimo Penale GIUSTIZIA RISPARMIATORI Bettiol/Mazzon/Miatello, (lista dei nomi Soci Risparmiatori inviata alla Regione Veneto).

 Solo con la loro costituzione a parte offesa nel processo agli ex vertici, per Aggiotaggio ed ostalo della vigilanza, dal 18 ottobre 2016 siamo riusciti a ottenere i documenti della Procura di Roma e a cambiare il corso degli eventi e della storia.

 Abbiamo messo un tassello fondamentale, che ha costretto le due banche ad approvare l’azione di responsabilità contro gli ex vertici, con la conseguente offerta transattiva del 10 gennaio 2017 di € 660 Milioni maggiorati dall’esenzione di tasse da transazione del 26% pari a ulteriori € 171,6 Milioni

 Abbiamo sempre detto che l’offerta era insoddisfacente, tuttavia non può essere dimenticato che nessuno era mai riuscito a piegare 2 banche senza nemmeno celebrare un processo, facendole restituire la somma di 660 milioni di € a ristoro dell’acquisto di azioni illiquide, caso unico al Mondo.

 Siamo orgogliosi anche dell’ulteriore modifica a vantaggio dei casi sociali, che abbiamo da sempre sostenuto.

 Nelle transazioni Welfare infatti, l’innalzamento dell’ISEE a € 26.000, darà la possibilità a molti di recuperare il risparmio perduto, aprendo la possibilità di trattativa anche per chi aveva già firmato la precedente transazione pur essendo tombale.

 Dando seguito alle nostre richieste, le 2 Banche stanno dimostrando la concreta volontà di voler tornare a fare le banche, e per questo seppur con cautela stiamo restituendole un po’ di fiducia.

Ai 119.000 Soci che hanno deciso di accettare la transazione insoddisfacente del 15%, sacrificando l’ 85% dei loro risparmi per circa 10 MILIARDI DI EURO, vogliamo dire che stiamo lavorando per promuovere degli strumenti che possano garantire concretamente delle forme di recupero legate al futuro delle 2 banche.

 A tutti questi risparmiatori, confermiamo inoltre che la transazione da loro sottoscritta, non è assolutamente soggetta a tassazione, come più volte ribadito.

Rispetto ai Soci Risparmiatori storici, ovvero quelli precedenti al 31/12/2006 e che per ora sono stati esclusi, vogliamo dire alle 2 banche che nemmeno loro possono essere dimenticati, dato che si tratta delle loro stesse fondamenta.

Quanto sopra come già dichiarato nelle 2 ultime assemblee di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza, sarà la linea che la nostra Associazione seguirà.

Ancora una volta le nostre previsioni si avverano. Infatti, come dichiarato l’8 giugno 2017 nella serata di Montebelluna e precedentemente scritto, le banche troveranno i soldi per questo ulteriore salvataggio.

 A tutti gli iscritti, ma soprattutto a chi è ancora indeciso, ricordiamo che l’Associazione Ezzelino III da Onara  ed i professionisti da questa incaricati, stanno perseguendo le finalità da sempre comunicate, cercando di mantenere fermo il timone verso l’obbiettivo, nonostante le tempeste in atto.

 Capiamo che l’indecisione od i ripensamenti su questioni come queste siano all’ordine del giorno, tuttavia ad ognuno di voi, chiediamo di permettere ai professionisti di portare a termine il duro lavoro di cui si sono fatti carico, che comporta un attento studio delle prove, sulle quali solo l’Associazione Ezzelino può operare.

 Come più volte ripetuto è nostro e vostro interesse, arrivare prima possibile all’obbiettivo di una transazione individuale soddisfacente.

 Ci auguriamo di poterlo fare prima dei processi penali a carico degli ex vertici delle banche in modo da evitare dispendiose battaglie legali che si renderebbero peraltro necessarie.

Ringraziamo i professionisti Prof. Rodolfo Bettiol ed il Tributarista Loris Mazzon che hanno progettato l’iniziativa Penale Plurima Giustizia Risparmiatori.

 Estendiamo il ringraziamento anche a chi supporta attivamente l’Associazione Ezzelino III da Onara, Dario Pozzobon, De Bortoli Vitale, Franco Carpin , Francesca Scatto, Bobo Miatello, Francesco Gonzo, Monica Pimpinato, Benedetto Costantino, Donatella Venzo, Luca Pierobon  in questa battaglia a favore delle verità e della giustizia ed a tutti coloro che intendano diventare portatori di interessi sani e positivi.

 Il Presidente dell’Associazione Ezzelino III da Onara

Patrizio Miatello tel 3357431389

Dona il 5X1000 ABBIAMO PIEGATO LE BANCHE PER LA VERITA’ DEL PASSATO DEL PRESENTE PER AVERE GIUSTIZIA E FUTURO è possibile chiedere di destinare alla Associazione Ezzelino III da Onara il 5×1000 della propria dichiarazione dei redditi. Sarà sufficiente inserire CODICE FISCALE  90016870280 sul primo riquadro in alto a sinistra del modulo per la dichiarazione dei redditi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...