Portati a casa 100 milioni per gli ex soci Banche Venete il primo risultato del nostro 4 ottobre a Roma

A soli pochi giorni dalla celebrazione del 4 ottobre Giornata Nazionale del Risparmio TRADITO va risarcito, una VERGOGNA Nazionale che dovrà essere ricordata nei secoli dei secoli.
Arrivano 100 milioni di euro di Intesa a favore degli ex azionisti delle banche venete. Intesa ha individuato un primo perimetro di 30 mila famiglie che potrebbero beneficiare dell’intervento.

Patrizio Miatello “Peccato che a Roma il 4  ottobre scorso non ci fossero  i 205.000 ex Soci di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza in massa,  il risultato sarebbe stato molto superiore, ma intanto così salviamo le migliaia di persone a rischio e con estremo bisogno.

image

“La vicenda dei soci truffati rappresenta una vergogna, quello che è successo è scandaloso”. Lo ha detto il consigliere delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina,  annunciando un intervento da 100 milioni di euro di Intesa a favore degli ex azionisti delle banche venete. Intesa ha individuato un primo perimetro di 30 mila famiglie che potrebbero beneficiare dell’intervento.

Intesa San Paolo ha messo a disposizione un plafond di 100 milioni di euro a favore dei clienti del gruppo che hanno perduto i loro risparmi avendoli investiti in azioni delle ex banche venete. Più in particolare sarà corrisposto un ammontare massimo per singolo cliente di 15.000 euro. L’erogazione avverrà in cinque tranche annuali, in quote di fondi monetari immediatamente liquidabili.

I potenziali interessati dall’iniziativa dovranno avere un reddito annuo lordo non superiore a 30 mila euro e un patrimonio mobiliare massimo di 15 mila euro, senza comprendere l’investimento effettuato in azioni delle ex banche venete. Inoltre, nel periodo considerato (5 anni) dovranno continuare ad essere clienti di Intesa (altrimenti perderanno le rate successive all’interruzione del rapporto).

Domani mercoledì 11 ottobre avremo l’incontro con il Governo per pretendere i rimanenti punti.

1) La politica deve rimediare  con l’Istituzione Fondo Vittime da reati societari degli amministratori Bancari il risparmio rubato va ridato Art 47 , con € 2 Miliardi dei conti dormienti già disponibili nel conto dello Stato , come da impegni di Camera e Senato , perché il 4 ottobre diventi una Festa e un inizio di tutela dei Risparmiatori RIMBORSO TOTALE.

2) Ripristino dei fondi € 60 milioni per i casi sociali e dei € 180 milioni rimasti per le transazioni individuali già istituiti dalle banche e spariti con l’INTESA del DL 99 – 25/6/17, che ha cancellato l’immenso PATRIMONIO REALE DELLE 2 BANCHE

3) Garanzia e tutela del rischio revocatoria per i Risparmiatori che hanno transato aderendo all’offerta transattiva delle 2 banche del 10 gennaio 2017, ora costretti a fare l’insinuazione al passivo per difendersi dal rischio di revocatoria permesso dall’INTESA del DL 99 – 25/6/17

4) Giustizia Risparmiatori chi ha sbagliato deve pagare non può e non deve essere impunito,     ripristino delle norme che consentano ai risparmiatori di agire in giudizio contro le banche coinvolte, accertamento delle responsabilità degli organi di vigilanza (Banca d’Italia e Consob in primis)

5) Tutela di tutti i risparmiatori ed imprese che hanno dovuto acquistare quote (di fatto ora azzerate) delle banche cooperative, c.d. “baciate”, a garanzia di finanziamenti, divenuti poi crediti deteriorati (NPL), verifica delle posizioni a rientro della SGA, al fine di verificare l’esistenza di eventuali comportamenti illeciti a qualsiasi titolo e a causa di usura

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...