Commissione Regionale d’inchiesta ex banche venete affondo per il Fondo Risparmio Tradito

Spett.le Commissione speciale d’inchiesta sui gravi fatti riguardanti il sistema bancario veneto,

Spett.le Presidente Giovanna Negro,

Spett.le Vicepresidente Antonio Guadagnini,

Spett.le Segretario Sergio Berlato,

Spett.li Componenti tutti,

facendo seguito all’audizione del 16.03.2018, pensiamo sia utile sintetizzare puntualizzando nuovamente gli argomenti di maggiore interesse.

1)   E’ indiscutibile che, quanto accaduto nelle due banche venete, abbia origine dalla male gestione delle stesse, risalente almeno dall’inizio degli anni 2000. Le indagini sia della Procura di Vicenza, per Banca Popolare di Vicenza, che della Procura di Roma, per Veneto Banca, prendono però in considerazione solo un piccolo segmento temporale: quello che parte dall’anno 2012 fino al 2014;

2)   Le recenti pronunce dei Tribunali interessati, andando in direzioni opposte sulla stessa materia del contendere, creano un clima di grave confusione giuridica. Vale la pena di evidenziare che, il Tribunale di Vicenza, si è espresso negando il sub-entro in qualità di responsabile civile di Banca Intesa a Banca Popolare di Vicenza, derivante dall’operazione di acquisto da parte di Banca Intesa della parte di “banca buona” di Banca Popolare di Vicenza. Lo stesso Tribunale di Vicenza, in diversa sezione, ha riconosciuto invece il sub-entro nella qualità di responsabile civile di Banca Intesa a Veneto Banca derivante dall’operazione di acquisto, da parte di Banca Intesa, del ramo buono di Veneto Banca. Entrambe le acquisizioni di Banca Intesa, sono state però disciplinate dallo stesso decreto legge;

3)   La Commissione Parlamentare d’inchiesta ha evidenziato la carenza di controlli e l’esistenza di contrasti da parte e tra Banca d’Italia e Consob;

4)   Le nuove dirigenze bancarie, cioè per sintesi quelle succedutesi negli anni 2016 – 2017, quando le condizioni delle due banche erano già in default, come successivamente si è capito, hanno invece sempre diffuso notizie rassicuranti soprattutto in merito alla tanto annunciata operazione di fusione dei due istituti. Operazione straordinaria che, a dire degli stessi dirigenti, aveva già trovato “completa santificazione” presso le autorità europee e sarebbe stata risolutrice di ogni controversia. I fatti sono andati in tutt’altra direzione.

Tali sintetiche ragioni spiegano l’esigenza di una Commissione che faccia luce prendendo in analisi anche quelle annualità precedenti e posteriori rispetto a quelle oggi oggetto di indagine e portato inoltre a ritenere indispensabile la predisposizione di una perizia tecnica di ampio respiro che dimostrerà in modo oggettivo l’andamento negli anni delle due banche venete. Emergerà così graniticamente che, non solo di recente, ma anche nel passato cioè negli anni in cui, in verità, le due banche erano già sotto-patrimonializzate, le stesse diffondevano false informazioni a tutti i  risparmiatori al fine di farli cadere nella trappola dell’acquisto delle così chiamate azioni-salvadanaio che in realtà era azioni “porcheria”.

Si riscontra inoltre l’esigenza di lavorare assieme per diffondere, difendere, semplificare, rimpinguare il Fondo di cui ai commi 1106 – 1109 dell’ultima Legge di Bilancio statale.

Tale Fondo, che ad avviso dell’Associazione scrivente, rappresenta la via più concreta per ridare giustizia a tutte le persone truffate risulta ancora poco conosciuto e scarsamente dotato di risorse.

Infine, a nostro avviso si deve prontamente intervenire per il salvataggio di tutte le piccole e medie imprese, in qualsiasi modo affidate dalle due banche venete fallite, per fare in modo che gli affidamenti e/o i finanziamenti ricevuti e quasi sempre contro garantiti da un obbligatorio acquisto azionario truffa, non incorrano in azioni esecutive da parte di Banca Intesa o SGA o altro Istituto di Recupero.

Nell’auspicio di una fattiva collaborazione porgiamo distinti saluti.

Associazione Ezzelino III da Onara

Presidente Patrizio Miatello

Prof. Avv. Rodolfo Bettiol

Tributarista Loris Mazzon

 

Venzo Art gioielli di vita da vivere sostiene Giustizia Risparmiatori

VENZO ART GIOIELLI

                IMG_20160317_163629         IMG_20160313_100301           ¼

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...