FONDO RISPARMIO TRADITO NORME ATTUATIVE SENZA PALETTI NON C’È PIÙ TEMPO

FONDO RISPARMIO TRADITO NORME ATTUATIVE SENZA PALETTI

Fare in fretta

Giornata impegnativa per le associazioni unite per il fondo per dare immediata attuazione al Fondo per le vittime di reati finanziari.

Si inizia alle ore 10 presso la Prefettura di Venezia dove il Prefetto di Venezia Carlo Boffi e il Direttore della Banca d’Italia sede di Venezia Paolo Ciucci,ha incontrato un a delegazione di Uniti per il Fondo: Patrizio Miatello, Franco Conte ed il prof.  Rodolfo Bettiol e Loris Mazzon.

Presenti l’on.le Dario Bond, cha sta promuovendo il Gruppo interparlamentare sulle Banche, l’on.le Raffaele Baratta,  il sentore Andrea Ferrazzi che ha promosso l’incontro.

Miatello ha fatto presente l’urgenza di decine di migliaia di fidi che avendo perso la granzia delle azioni delle due ex banche in liquidazione ora sono a rischio. Sullo sfondo il piano inclinato di ricerca di finanziamenti a tasso usuraio o la perdita di capannoni, con effetti tragici sull’occupazione sull’economia non solo Veneta.

Il Prof. Bettiol ha richiamato la necessità di rendere operativo “in fretta” il Fondo perché le altre vie giudiziarie sono complesse, a rischio e costoso oltre alla drammaticità dei tempi lunghi.

Loris Mazzon ha sottolineato che l’esigenza di legalità sia una delle condizione del “risarcimento” e per prevenire situazioni simili. Ha denunciato come il fenomeno delle operazioni baciate sia arrivato sino operazioni di micro-finanziamento per tante migliaia di persone di fatto indotte ad acquisti di azioni, e costrette a pagare il prestito per 5 anni….
L’incontro di questa mattina ha messo il punto sulla gravità estrema della situazione.

I parlamentari hanno ribadito l’impegno di fare in fretta, di fare squadra tra veneti a prescindere dalle appartenenze politiche.
Ha ricevuto il consenso di tutti la proposta del senatore Ferrazzi di attivare un “Osservatorio veneto” guidato dal Prefetto con la presenza di Banca d’Italia e degli altri soggetti la cui partecipazione è importante: Regione, Rappresentanza delle Associazioni dei risparmiatori traditi, Associazioni di categoria, Abi e altri soggetti. Sia il Prefetto sia il Direttore Ciucci hanno dato ampia disponibilità. Già dal prossimo mese si costituirà il primo tavolo.
Tale Osservatorio dovrà sovrintendere e indirizzare la questione banche, dal Decreto per la costituzione del Fondo per i Risparmiatori azionisti, già votato in Finanziaria, al dramma delle famiglie e delle imprese venete che si vedono recapitare dalle banche in questi giorni ordini di rientro dai fidi ingestibili, essendo dunque “cornuti e mazziati.
Da parte di tutti vi è stato un grande spirito di partecipazione e voglia di fare squadra per rendere giustizia a famiglie e imprese venete e per ricreare un minimo di fiducia che è stata duramente messa alla prova dalle scelleratezze compiute.
L’incotro ha conseguito un importante effetto: il Prefetto, sentito il Direttore di banca D’Italia di Venezia, invierà una indicazione ufficiale sulla necessità di pubblicare il decreto di attuazione della norma istitutiva del Fondo senza paletti .

E’ il riconoscimento che il dialogo può portare a risultati, anche se la mobilitazione deve sempre alta vista la gravità della situazione che potrebbe portarci danni irreversibili.

Alle 13,30  la delegazione delle associazioni  Uniti per il Regolamento norme attuative del Fondo senza paletti subito: IL TEMPO È FINITO DA TROPPO TEMPO

a Palazzo Ferro Fini si sono incontrati con consiglieri regionali Luciano Sadonà, Gidoni Franco e Sigalia Claudio  e con i parlamentari già presenti in Prefettura.

Anche qui da parte della Regione Veneta c’è stata una conferma a operare per dare una indicazione forte e immediata perché si proceda sulla via del Fondo con le norme attuative senza paletti e con l’indiscutibile aumento della dotazione per soddisfare il ristoro di tutti I risparmiatori vittime finanziarie.
Il consigliere regionale Luciano Sandonà ha confermato il continuo impegno da parte della Regione che ha già provveduto alla richiesta al Governo di riaprire la Commissione Parlamentare d’inchiesta banche che potrà fornire nuovi elementi alla nuova Commissione Regionale d’inchiesta banche venete.

I risparmiatori sono stati prigionieri elle banche dal 2013: infatti da allora per i comuni mortali era pressoché impossibile vendere …e hanno assistito alla dissoluzione senza poter intervenire.

Patrizio Miatello ha consegnato ll documento riguardante I punti delle linee guida del fondo e una proposta per un nuovo Fondo Veneto Salva Imprese

Ricordando quanto segue :
1)   Con i procedimenti per aggiotaggio e ostacolo della vigilanza la procura di Roma e Vicenza si è limitata ha indagare dal 2012 al 2014, la situazione legale molto incerta rischia di avere ulteriori risvolti negativi per i risparmiatori già traditi, diventa pertanto necessario che il lavoro di indagine venga ampliato anche per gli anni precedenti almeno dall’anno 2001 con il supporto di una consulenza tecnica di professionisti atta a verificare come sia stata attuata questa colossale truffa di massa nei confronti dei risparmiatori vittime innocenti, in modo da verificare approfonditamente le possibili responsabilità degli Amministratori, di Banca d’Italia, Consob e Revisori contabili.

2)   Abbiamo acquisito tutti i documenti della Procura di Roma appena concluse le indagini per Veneto Banca il 29/12/2016, per Banca Popolare di Vicenza abbiamo ottenuto l’autorizzazione dal GIP ma per tutti i fascicoli la spesa è di oltre € 90.000,00. Diventa necessario e fondamentale un vostro intervento atto ad acquisire tutti i fascicoli dalla Procura di Vicenza per Banca popolare di Vicenza senza costringere i risparmiatori a ulteriori esborsi.

3)   La Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche Venete, con la relazione finale ha confermato che questa triste vicenda ha causato danni incalcolabili creando delle vittime innocenti del risparmio tradito, mettendo in discussione i controlli del sistema bancario da parte di Banca d’Italia e Consob che non sono riusciti a svolgere il loro compito di prevenzione per tutelare i risparmiatori, diventa pertanto necessario che la stessa porti a termine questa attività fondamentale con il fine di porre i dovuti rimedi.

4)   FONDO RISPARMIO TRADITO

Con legge 27/12/2017 n.205 commi 1106-1109 Fondo di ristoro Finanziario Gazzetta Ufficiale il 01/01/2018, è stato istituito il fondo di ristoro finanziario le norme attuative del fondo hanno scadenza 90 gg dovranno essere scritte entro il 30/03/2018, abbiamo preparato assieme alle maggiori associazioni delle linee guida e consegnate a tutti i candidati premier delle elezioni del 04/03/2018, diventa fondamentale che tali norme di attuazione vengano attuate nel giro di qualche giorno in modo da semplificare l’accesso al fondo ai risparmiatori traditi senza paletti, senza complicazioni o limiti in quanto alimentati dai conti dormienti con capienza di miliardi destinati alle Vittime finanziarie come previsto dalla legge 266/2005.

Emergenza delle posizioni in contenzioso riguardante risparmiatori e imprese traditi incastrati con fidi o mutui che a causa della mancata vendita delle quote azionarie, con la perdita del valore sono stati trasformati loro malgrado in debitori di Banca Intesa San Paolo o di Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza L.C.A. , si chiede intervento con un tavolo di lavoro per l’immediata sospensione degli interessi applicati al 20,45 % e delle esecuzioni in corso.

Diventa estremamente necessario fare partire un tavolo al quale lavorare per la messa in sicurezza del grave rischio che il nostro sistema economico produttivo possa avere delle conseguenze irreparabili.

Un grande ringraziamento al Governatore dr. Luca Zaia, al Presidente del Consiglio Veneto Roberto Ciambetti , a tutta la Giunta e Consiglio Regionale che hanno contribuito e patrocinato l’evento a Palazzo Ferro Fini.

Associazioni Unite per il Fondo
Portavoce Patrizio Miatello tel 3357431389
CODACONS Franco Conte
ADUSBEF Fulvio Cavallari
Adiconsum Valter Rigobon in delega
Federconsumatori Giovanna Capuzzo
Adoc Sergio Taurino
Azione Vitale Dario Pozzobon
Azzerati 4 Banche Milena Zaggia
Lega Consumatori Erica Zanca
Confedercontribuenti Alfredo Belluco Muzio Gianfranco
Ignazio Conte
Unione Nazionale Consumatori Antonio Tognoni in delega
Casa del consumatore
A.N.L.A. Lando Ambruzzoni Senior Italia già Federanziani Veneto Vincenzo Giglio
Apindustria Veneto Ivan Palasgo
Dalla Grana Stefano
Consumatori Attivi  Emi Puschiasis Sabbadini Ernesto Raffaele Bizzozer Denise di Brazzà
Ezzelino III da Onara Giustizia Risparmiatori Patrizio Miatello
Prof. Avv Rodolfo Bettiol
Tri. Loris Mazzon
Avv. Francesca Scatto
Carpin Franco
Grubissa Flavio
On Raffaele Baratto
On Bond Dario
Sen Ferrazzi
In-Oltre dr Diletta Cigolini assistenza e aiuto gratuito risparmiatori numero verde 800 33 43 43 operativo 24 ore su 24 servizio Regionale grazie alla Regione Veneto

image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...