EVENTI 2016

Comunicato associazione Ezzelino III da Onara progetto Penale Bettiol-Mazzon

I sottoscritti Miatello Patrizio Presidente dell’associazione Ezzelino III da Onara e i Professionisti incaricati al progetto penale Prof. Avv. Rodolfo Bettiol, il Tributarista Loris Mazzon, non tollereranno più alcun tipo di denigrazione da qualsiasi parte sollevata.

Ricordiamo il progetto a suo tempo confermato all’incontro pubblico di San Giorgio in Bosco del 5 ottobre 2016 e a Salgareda del 12 ottobre 2016, progetto partito e studiato da Agosto 2016.

RISPARMIO TRADITO PROGETTO PENALE BETTIOL-MAZZON

vedi sito EZZELINO DA ONARA 

AZIONE PLURIMA PENALE BETTIOL-MAZZON DEI SOCI                                                                   BANCA POPOLARE DI VICENZA – VENETO BANCA

IL PROGETTO PENALE BETTIOL-MAZZON:

  • NON E’ UNA SEMPLICE QUERELA PENALE;
  • NON E’ UN  SEMPLICE ESPOSTO PENALE;
  • NON E’ UNA SEMPLICE PROTESTA;
  • NON E’ UN SEMPLICE RECLAMO;
  • NON E’ UNA SEMPLICE CAUSA CIVILE;
  • NON E’ UN SEMPLICE TENTATIVO DI MEDIAZIONE.

Punti, in sintesi, del progetto penale banche popolari, facciamo giustizia e recuperiamo i risparmi

Il Professor Avvocato Rodolfo Bettiol e il Tributarista Loris Mazzon interverranno per conto dei Soci  nei procedimenti penali per una azione plurima comune dei risparmiatori di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca;

Tali professionisti interverranno nei procedimenti penali pendenti a carico dei dirigenti e sindaci delle due banche innanzi alla Procura di Roma e di Vicenza

Le fasi: costituzione, come parte offesa, costituzione di parte civile all’udienza preliminare, alcuni dei vantaggi in sintesi:

Primo vantaggio: l’unicità delle ragioni della causa intentata, in particolare l’aggiotaggio, rende possibile l’azione in comune di più persone danneggiate.

Secondo vantaggio: con un numero adeguato di partecipanti il costo per il singolo è sicuramente inferiore al costo di una causa civile.

Terzo vantaggio: non esiste rischio di rifondere le spese alla controparte in caso di soccombenza.

Quarto vantaggio fondamentale: nel processo penale non opera l’art. 7 della Legge Bancaria che pone il segreto sugli atti di indagine della Banca d’Italia anche innanzi al Giudice Civile o in altre  procedure di mediazione. L’onere della prova è quindi del tutto alleggerito a favore degli attori che vengono inoltre a disporre di tutti gli atti di indagine (es. sequestri, intercettazioni) altrimenti non acquisibili né nel processo civile né tramite altri procedimenti conciliativi.

Quinto vantaggio:  Gestione di tutte le eventuali problematiche dei Soci risparmiatori derivanti dai rapporti passati ed in essere con la banca, con l’assoluta certezza di trovare la pia ampia tutela dei loro interessi.

Sesto vantaggio: all’iniziativa potranno partecipare anche i Soci che hanno già iniziato altre procedure e tutte le associazioni.

Settimo vantaggio: in caso di transazione o di vincita sarà la banca a pagare i professionisti.

Ottavo vantaggio: il procedimento interessa tutti i Soci, anche i più vecchi.

E’ importante venga reclamato il profilo di Socio Risparmiatore, come da nostre indicazioni. 

ADERISCI SUBITO AL PROGETTO PENALE NON ASPETTARE COMPILA IL MODULO AL SEGUENTE LINK: https://ezzelinodaonara.org/risparmio-tradito-progetto-penale-bettiol-mazzon/come-aderire-al-progetto-penale-bettiol-mazzon/

Promotore  Associazione Ezzelino III da Onara

Patrizio Miatello

progetto-penale-bettiol-mazzon

relazione incontro 5 Ottobre a San Giorgio in Bosco PD

———- Messaggio inoltrato ———-
Da: DON TORTA BANCHE <coordinamentobanchedontorta@gmail.com>
Date: 9 ottobre 2016 23:12
Oggetto: Relazione incontro del 5 ottobre
A: tutti

Relazione della serata 05 ottobre 2016 incontro a San Giorgio in Bosco

Inizio ore 20.30

Molte persone non sono arrivate in quanto incidente stradale a Curtarolo.

Presenti relatori:

rag Patrizio Miatello, Avv. Andrea Arman, Progetto. Procedura penale del Prof Rodolfo avv. Bettiol, Dott tributarista Loris Mazzon

Appello delle associazioni presenti su 22 invitate:

Azionisti Associati BPVI Avv Andrea Arman PRESENTE
Ezzelino III da Onara Patrizio Miatello PRESENTE
Confedercontribuenti Veneto Alfredo Belluco PRESENTE
Noi che credavamo nella BPVI Luigi Ugone ASSENTE
CODACONS Franco Conte ASSENTE
ADUSBEF CAVALLARO ASSENTE GIUSTIFICATO INCIDENTE
Casa del Consumatore Elena Bertorelli PRESENTE
Azione Vitale Bedin Piergluigi PRESENTE
Futuro 150 Silvio Fortuna ASSENTE
Ass.Naz.Azionisti BPVI Renato Bertelle ASSENTE
Ass. Azionisti Per Veneto Banca Todesco Giannadera ASSENTE GIUSTIFIATO
ADICONSUM ASSENTE
ADOC VENETO ASSENTE
FEDERCONSUMATORI VENETO ASSENTE
UNIONECONSUMATORI VENETO UNC ASSENTE
LEGA CONSUMATORI VENETO MARTINELLI PRESENTE
PRIMO SOCCORSO RISPARMIATORI WALTER BASEGGIO PRESENTE
ALTERCONSUMO SCHENATO ENRICO ASSENTE
Asso Popolari Venete Francesco Celotto ASSENTE GIUSTIFICATO
ASS.Azionisti Veneto Banca Renato Ettore Barzi ASSENTE
TLC Avv. Sergio Calvetti ASSENTE
Movimento difesa del cittadino Avv. Matteo Moschini ASSENTE
ridateci i soldi veneto banca fabio ASSENTE
Federcontribuenti alberto gottardo ASSENTE
Popoloconsumatori federico Pennacchioni PRESENTE
giuseppe ASSENTE
Davide Lunardon PRESENTE
PESCATORI DI PACE Lorenzo Damiano PRESENTE

 

 

Presenti 11 associazioni

Presenti 100 soci fra Veneto banca e popolare di vicenza

Che hanno confermato quanto segue:

  • Inutilità momentanea di azioni civili nella quasi totalità dei casi, e fallimento dei tentativi di arbitrato gran Giurì.
  • Proposte di Patrizio Miatello, proseguire con i reclami strutturati per reclamare il profilo di risparmiatore che ha accantonato i risparmi in quote delle banche cooperative, evitando di chiedere i documenti (MIFID) alla banca in quanto potrebbero compromettere la posizione di risparmiatore, iniziative di pressione sociale, pressione politica, pressione con la Chiesa, pressione con la Procura, pressione con le Banche per portarle ai tavoli di conciliazione, evitare iniziative singole come esposti in procura in quanto i tribunali sono già intasati con le attuali 2000 denunce, trovare una strada per la pressione penale come da proposta e progetto del Prof. Rodolfo Avv Bettiol,  più volte verificata, discussa e condivisa con incontri avvenuti da Agosto 2016.
  • Proposte Avv. Andrea Arman, iniziativa di raccolta firme di tutti i cittadini per sollecitare al Governo istituzione della commissione d’Inchiesta Parlamentare, iniziativa di raccolta firma dei soci che hanno votato SI SPA, lo stesso conferma nuovamente e condivide il progetto penale del Prof. Rodolfo Avv Bettiol
  • Professor Rodolfo Avv. Bettiol come già più volte proposto da Agosto 2016, propone di intervenire nei procedimenti penali PER UNA AZIONE PLURIMA COMUNE DEI SOCI RISPARMIATORI DI BANCA POPOLARE DI VICENZA E DI VENETO BANCA;

Si propone di intervenire nei procedimenti penali pendenti a carico dei dirigenti e sindaci delle due banche innanzi alla Procura di Roma e di Vicenza.

Le fasi: costituzione, come parte offesa, costituzione di parte civile all’udienza preliminare.

Alcuni vantaggi in sintesi

Primo vantaggio: l’unicità delle ragioni della causa intentata, in particolare l’aggiotaggio, rende possibile l’azione in comune di più persone danneggiate.

Secondo vantaggio: con un numero adeguato di partecipanti il costo per il singolo è sicuramente inferiore al costo di una causa civile.

Terzo vantaggio: non esiste rischio di rifondere le spese alla controparte in caso di soccombenza.

Quarto vantaggio fondamentale: nel processo penale non opera l’art. 7 della Legge Bancaria che pone il segreto sugli atti di indagine della Banca d’Italia anche innanzi al Giudice Civile o in altre  procedure di mediazione.

L’onere della prova è quindi del tutto alleggerito a favore degli attori che vengono inoltre a disporre di tutti gli atti di indagine (es. sequestri, intercettazioni) altrimenti non acquisibili né nel processo civile né tramite altri procedimenti conciliativi.

5) Dott. Loris Mazzon tributarista, conferma che le recenti cassazioni da Agosto a Settembre 2016, hanno praticamene barrato la strada a qualsiasi iniziative legale di carattere civilistico, sottolinea l’urgenza di iniziare da subito la richiesta di adesione del progetto penale, in quanto è stato perso troppo tempo, solo con una immediata azione e adesione di massa dei soci nel progetto penale con la costituzione di parte offesa , si possono riaprire delle speranze concrete per i risparmiatori.

6) Elena Bertorelli, Alfredo Belluco, Andrea Arman confermano il fallimento dei tentativi con il Gran Giurì, arbitrato bancario e iniziative civilistiche condividendo l’urgenza per il progetto penale del Prof. Rodolfo Avv Bettiol

7) Patrizio Miatello, constatato il pieno accordo di tutti , nell’urgenza e nell’importanza  della condivisione del progetto penale messo a disposizione del Prof. Rodolfo Avv Bettiol, comunica che verrà lanciato immediatamente il progetto penale banche popolari venete.

Viene ricordato che il 19/10/2016 è in previsione una visita dal Papa Francesco in Vaticano, dove saranno ricevuti i soci risparmiatori derubati, seguirà programma.

Altre iniziative di pressione sociale saranno comunicate.

Prossima riunione a Salgareda il 12/10/2016 ore 20,00 Istituto Comprensivo a Salgareda TV

 

INCONTRI 5 e 12 Ottobre CON I SOCI RISPARMIATORI veneto banca e popolare di vicenza IMPORTANTE PARTECIPARE

Il Coordinamento ha organizzatolo le prime 2 serate con i SOCI RISPARMIATORI  per dare i chiarimenti SU COSA E COME FARE  per tentare di recuperare i RISPARMI

MERCOLEDI’ 05 OTTOBRE ORE 20,00
SALA POLIVALENTE COMUNALE VILLA ANSELMI
PIAZZA MANZONI 4
SAN GIORGIO IN BOSCO PD

INVITIAMO TUTTE LE ASSOCIAZIONI E STUDI LEGALI IMPEGNATI NELLA DRAMMATICA VICENDA, PER CHIARIMENTI E STRATEGIE

ONDE EVITARE IL PROLIFERARE DI INIZIATIVE GIURIDICHE INUTILI E COSTOSE A SCAPITO DEI SOCI RISPARMIATORI GIA’ DANNEGGIATI PESANTEMENTE E COMPROMESSI NELL’ESISTENZA DALLE BANCHE  VENETO BANCA E POPOLARE DI VICENZA

RITENIAMO SIA VITALE CONDIVIDERE E FARE LA MASSIMA CHIAREZZA

LISTA INVITATI e per conoscenza del Presidente della Regione Veneto Dr Luca Zaia
Azionisti Associati BPVI Avv Arndrea Arman azionisti.associati.bpdv@gmail.com
Ezzelino III da Onara Bruno Bandoli bandoli.bruno@gmail.com
Ezzelino III da Onara Patrizio Miatello ezzelino.onara@gmail.com
Confedercontribuenti Veneto Alfredo Belluco alfredobelluco1952@gmail.com
Noi che credavamo nella BPVI Luigi Ugone info@noichecredevamonellabpvi.com
CODACONS Franco Conte franco43conte@tiscali.it
ADUSBEF Camilla Cusumano studio@camillacusumano.it
Casa del Consumatore Elena Bertorelli Schio@casadelconsumatoreveneto.it
Azione Vitale Bedin Piergluigi azionevitale@gmail.com
Futuro 150 Silvio Fortuna socibpv@gmail.com
Ass.Naz.Azionisti BPVI Renato Bertelle  info@azionistibpv.it
Ass. Azionisti Per Veneto Banca Todesco Giannadera associazione@pervenetobanca.com
ASS.Azionisti Veneto Banca Giovanni Schiavon presidente@aavenetobanca.it
ADICONSUM “adiconsum.veneto@cisl.it” <adiconsum.veneto@cisl.it>,
ADOC VENETO “adocveneto@gmail.com” <adocveneto@gmail.com>,
FEDERCONSUMATORI VENETO “federconsveneto@federconsveneto.it” <federconsveneto@federconsveneto.it>,
UNIONECONSUMATORI VENETO UNC “info@unioneconsumatoriveneto.it” <info@unioneconsumatoriveneto.it>,
LEGA CONSUMATORI VENETO “info@legaconsumatoriveneto.it” <info@legaconsumatoriveneto.it>,
PRIMO SOCCORSO RISPARMIATORI WALTER BASEGGIO primosoccorso
ALTERCONSUMO SCHENATO ENRICO avvocatoschenato@gmail.com
Ass.Naz.Azionisti BPVI Renato Bertelle info@azionistibpv.it
Ass. Azionisti Per Veneto Banca Todesco associazione@pervenetobanca.com
Asso Popolari Venete Francesco Celotto assoveneto@gmail.com
ASS.Azionisti Veneto Banca Renato Ettore Barzi presidente@aavenetobanca.it
TLC Avv. Sergio Calvetti sergio.calvetti@legalieuropei.org
Movimento difesa del cittadino Avv. Matteo Moschini avvocatomoschini@gmail.com 
ridateci i soldi veneto banca fabio bello.f@tiscalinet.it
Federcontribuenti alberto gottardo padova24ore@gmail.com
Popoloconsumatori federico Pennacchioni info@popolodeiconsumatori.it
giuseppe giuseppe.alunni4@gmail.com
Luca Canale canaleluc@libero.it
Davide Lunardon davide.golia@libero.it
Adusbef Paolo Polato paolopolato@adusbef.it
Adusbed Elio Lannuti  info@adusbef.it
Adusbef Fulvio Cavallari fvcavallari@gmail.com
Confedercontribuenti Veneto Carmelo Finocchiaro finocchiarocarmelo@gmail.com
 Pescatori di Pace                   Lorenzo Damiano
per eventuali info inviare sms al n° 3357431389
Coordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete Don Enrico Torta                                                 
mail : coordinamentobanchedontorta@gmail.com info tel 3357431389 Patrizio Miatello                                                                                                                                                                                               
http://www.coordinamentoassociazionisocibanchepopolarivenete.org
05-ottobre-2016

BOLOGNA NASCE IL COORDINAMENTO NAZIONALE RISPARMIATORI TRUFFATI

Nasce il Coordinamento Nazionale Risparmiatori Truffati

 

La lotta dei risparmiatori non si ferma e compie un indispensabile passo in avanti. Il 6 settembre a Bologna, presso la mediateca Gateway le delegazioni , del Coordinamento Associazioni Soci Banche Don Torta (Veneto), dell’ Associazione Vittime del Salva Banche (Toscana) e i No Salvabanche (Emilia Romagna) si sono riunite per rilanciare la battaglia contro l’esproprio di ricchezza che in forme diverse ha duramente impoverito moltissimi risparmiatori in tutto il paese.

Il progetto del governo guidato dal Pd in perfetta sintonia con l’establishment dell’Unione Europea è quello di scaricare i costi della crisi bancaria – che ha scala europea – sulle tasche dei risparmiatori, colpire ciò che resta, dopo anni di crisi economica, del ceto medio. Ciò che dobbiamo fronteggiare non è semplicemente una serie di piccole o grandi truffe ma un progetto di società in cui la qualità della vita, il lavoro e il risparmio che esso garantiva sono a completa disposizione della finanza.

Di fronte alla cinica prepotenza delle Istituzioni, non possiamo sperare esclusivamente in una soluzione giudiziaria. La soluzione non può che essere politica: più grande sarà la forza e la pressione sociale che riusciremo ad esercitare nei confronti della nostra controparte -il governo Renzi, il Pd, Banca d’Italia,Consob – più grandi saranno le probabilità di vincere la nostra battaglia.

I prossimi mesi saranno determinanti. Il referendum sulla costituzione ci offre la possibilità di colpire chi ha voluto la devastazione economica di centinaia di migliaia di risparmiatori. Più debole è il governo Renzi, più forti siamo noi. Pertanto, con l’obiettivo comune di rilanciare e rafforzare la nostra lotta, nella più totale autonomia da tutti i partiti politici, abbiamo deciso di costituire il Coordinamento Nazionale Risparmiatori Truffati che riunisce l’ Associazione Vittime del Salva Banche, il Coordinamento Banche Don Torta e i No Salvabanche. Perchè solo l’unione fa la forza.

Lanciamo già da ora una grande manifestazione a Pontassieve, sotto casa del primo ministro Matteo Renzi, per il 22 ottobre. Nelle settimane precedenti organizzeremo invece in maniera coordinata una serie di iniziative dislocate nelle nostre città.

 

Non basta avere ragione, bisogna farsela dare!

 

coordinamentobanchedontorta@gmail.com

ufficio stampa tel 3357431389

img-20160906-wa0005-2

INCONTRO A BOLOGNA CON TUTTE LE ASSOCIAZIONI SOCI RISPARMIATORI TRUFFATI DALLE BANCHE

A tutte le Associazioni aderenti al Coordinamento

Sono stati mesi di intense iniziative e mobilitazioni, dal Vajont finanziario siamo passati all’apocalisse finanziaria dei Risparmiatori e delle Imprese del nordest e del resto d’Italia

A macchia di leopardo, in tutto il paese i risparmiatori hanno intrapreso una lotta contro i decreti del Governo Renzi, trasformazione forzata delle banche popolari cooperative venete in spa, salvabanche , l’esproprio del risparmio e della proprietà privata per mezzo dell’ultima drammatica legge anticostituzionale n° 119/2016 che spiana le procedure di esproprio degli immobili da parte delle banche e dei fondi.

Contro i disillusi, contro chi diceva che non è servito a niente possiamo tranquillamente affermare che senza il nostro impegno nel condurre iniziative di pretese con le Istituzioni e le banche tutto sarebbe già stato dimenticato e finito in inutili, interminabili e costose cause legali (favorendo esclusivamente gli avvocoltoi) e ogni speranza vanificata.

Bisogna collocare le vicende di Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza, Banca Etruria, della Cassa di risparmio di Ferrara, di Carichieti, di Banca Marche e non da ultimo di Montepaschi dentro un più ampio scenario di crisi bancaria probabilmente di scala europea. Il progetto dei governanti è chiaro: mettere le mani sul risparmio per mantenere in vita un sistema bancario bollito, scaricare i costi della crisi sulle tasche dei risparmiatori e tutti i cittadini.

Quanto è accaduto a noi è probabilmente solo la punta di un iceberg, vedi caso Mps, che nel futuro prossimo verrà a galla provocando altre nucleari economiche.

In questi mesi di lotta abbiamo imparato che la nostra controparte non si fa remore ad utilizzare tutti gli strumenti istituzionali e mediatici di cui dispone per impedire o neutralizzare l’espressione del nostro dissenso, abbiamo imparato a non farci illusioni, a non accontentarci delle promesse buone solo a prendere tempo. Abbiamo però ugualmente appreso che possiamo e dobbiamo pretendere il ripristino della violazione dell’art 47 della Costituzione il Governo deve tutelare il RISPARMIO e della tutela dei SOCI RISPARMIATORI delle Banche Cooperativa tragicamente trasformate forzatamente in SPA.

La nostra autonomia da tutto il sistema dei partiti,  da tutte quelle organizzazioni che hanno consentito l’apocalisse economica,  ci hanno consentito di raccogliere un ampio consenso pubblico, ci hanno dato forza perché abbiamo sempre posto davanti a qualsiasi altro interesse la battaglia per il rimborso del risparmio senza altri fini.

La nostra lacuna più grossa è stata quella di non avere avuto il tempo di coordinamento tra i diversi gruppi che in giro per il paese hanno portato avanti la lotta.

È arrivato il momento di rimediare, pertanto convochiamo una riunione delle associazioni risparmiatori truffati per il 6 settembre alle ore 11,00.

Preghiamo tutte le associazioni di partecipare con 1 referente per motivi organizzaivi.

Seguirà ordine del giorno

Libreria Gateway

Via San Petronio Vecchio 33/B

BOLOGNA

Coordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete Don Enrico Torta

SALVADANAIO BASE

Invitati i Parlamentari Veneti e Friulani in Parrocchia a Dese VE il 18.01.2016

COORDINAMENTO ASSOCIAZIONI BANCHE POPOLARI VENETE

“DON  ENRICO TORTA”

 

 

 

Ill.mi Onorevoli

Dese Venezia 07 gennaio 2015

 

 

OGGETTO:  Richiesta di incontro.

La profonda crisi delle banche popolari “Veneto Banca e Popolare di Vicenza” impone una profonda ed accurata analisi della situazione non solo nel tentativo di capire effettivamente cosa è successo ma, per cercare di evitare, o quanto meno alleviare, i gravissimi danni che i soci e l’intera economia veneta subiscono e subiranno.

Il gruppo che rappresento  assolve alla funzione di coordinamento fra le associazioni di piccoli e medi risparmiatori, azionisti delle due banche, ed anche di riferimento per differenti strutture ed anche molte persone, che pur non essendo direttamente colpite dalla pesante svalutazione patrimoniale subita dalle banche, avvertono e  prevedono il grave disagio che la consistente perdita di ricchezza della nostra regione e lo stravolgimento del sistema creditizio comporteranno entro breve tempo.

Sino ad oggi del problema si è solo  parlato;  quasi niente è stato fatto, come se perdere miliardi di Euro e aggravare la condizione di disagio di centinaia di migliaia di persone sia cosa di poco o nessun conto.

La nostra regione sta attraversando la più grave crisi morale, sociale  ed economica degli ultimi 150 anni e non si vedono prospettive di miglioramento; forse perché non le si cercano.

Io credo che l’attuale dramma economico causato dal dissesto delle banche debba essere “gestito” e questo è un compito che l’intera classe politica, al di là degli schieramenti partitici, deve assolvere.

E non solo.

Io credo che questo disastro, che vedrà molti soffrire ingiustamente, possa essere uno stimolo  di  confronto e laboratorio di  idee per evitare altri simili drammi e per dare speranza e futuro ai tanti che non piangono in pubblico.

Sigg. Onorevoli, non sottovalutate quello che sta accadendo, dietro alla facciata delle auto lucide e dei vestiti alla moda, la nostra gente Veneta è allo stremo psicologico e morale.

Per parlare assieme, per apprendere  da Voi quello che non comprendiamo, per il bene della nostra gente e della nostra terra

Vi invito alla riunione di lunedì 18 gennaio alle ore 18,00 presso la sala Parrocchiale di Dese ( comune di Venezia ).

L’incontro sarà a porte chiuse. Ammessi i rappresentanti di associazioni socialmente impegnate i dirigenti delle banche Venete ed  i giornalisti.

Confido nella Vostra partecipazione.

Don Enrico Torta

 

Incontro del 12.01.2016 con il Governatore del Veneto Luca Zaia Banche Popolari

A seguito della disponibilità del Governatore Luca Zaia, avvenuto a San Vendemiano un incontro per discutere, sui gravi risvolti sociali della vicenda di Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

Data l’importanza del problema la nostra delegazione è stata invitata per martedì 19.01.2016 in Consiglio Regionale.

All’incontro erano presenti:
Don Enrico Torta presidente onorario del Coordinamento Associazioni Soci Banche Popolari Venete
Andrea Arman presidente Ass.ne Azionisti Associati Banca Popolare di Vicenza
Alfredo Belluco presidente Ass.ne Confedercontribuenti veneto
Patrizio Miatello presidente Ass.ne Ezzelino III da Onara
Gianfranco Muzzio Confedercontribuenti
Coordinamento Associazioni Soci Banche popolari Venete “Don Enrico Torta”